Misure ed esercitazioni I grado

Home > Radioprotezione > Misure ed esercitazioni > Misure ed esercitazioni I grado

Le modalità per conseguire l’abilitazione di I grado sono stabilite dall’art.129 del D. Lgs. 101/2020. L’abilitazione di I grado viene definita in maniera identica a quella riportata nell’art.78 del D. Lgs. 230/95 e s.m.: “per la sorveglianza fisica delle sorgenti costituite da apparecchi radiologici che accelerano elettroni con tensione massima, applicata al tubo, inferiore a 400 kV”. È prevista l’emanazione di un decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, da emanarsi entro 18 mesi dal 27 agosto 2020 (data di entrata in vigore del D. Lgs. 101/2020) che disciplini i requisiti di iscrizione all’elenco, le modalità di formazione, le modalità di svolgimento dell’esame e l’aggiornamento professionale.

Il corso “Misure ed esercitazioni I grado” dà spazio agli strumenti di misura -mostrandone ed utilizzandone alcuni- che permettono la determinazione delle grandezze radioprotezionistiche in questo ambito, molti dei quali si utilizzano anche per le abilitazioni di II e III grado. Tra le tipologie più importanti di strumenti di misura vi è sicuramente quella dei contatori a gas (riporto il link ad un’ottima pagina di wikipedia sulle camere a ionizzazione). Uno strumento di misura preso in esame durante il corso è il Ludlum 9DP. Nella pagina web del sito del produttore dedicata al 9DP sono reperibili schede tecniche ed altre documentazioni che costituiscono un utile spunto per richiamare argomenti teorici e fare confronti con altre camere a ionizzazione. Un antesignano è il Victoreen V-715 di cui il museo dell’Università di Oak Ridge detiene numerosi modelli descritti dettagliatamente sulle pagine del relativo sito.

Ampio spazio viene dato ai rivelatori Geiger. Uno strumento di misura preso in esame durante il corso è il Rotem RAM DA-2000, che contiene due contatori Geiger ma può anche essere implementato con sonde aggiuntive di svariate tipologie.

Vengono poi analizzati nel dettaglio anche molti altri tipi di strumenti e di dosimetri.

Le pubblicazioni dell’ICRP costituiscono un riferimento fondamentale per l’esperto di radioprotezione e forniscono anche autorevoli indicazioni a livello operativo, che vengono analizzate in dettaglio durante il corso. Quasi tutte le pubblicazioni sono liberamente scaricabili online ed alcune sono state anche tradotte in italiano. Di importanza fondamentale è sicuramente la Pubblicazione 103 “Raccomandazioni 2007 della Commissione Internazionale per la Protezione Radiologica” la cui traduzione è stata curata nell’ambito delle attività del comitato internazionale AIRP.

Riporto di seguito i riferimenti di alcuni testi che consiglio per affrontare lo studio degli argomenti trattati e che ho utilizzato come fonti per la preparazione del corso:

Maurizio Pelliccioni – Fondamenti fisici della radioprotezione – Pitagora Editrice Bologna – 1993

Ugo Amaldi – Fisica delle radiazioni – Boringhieri – 1971

Sandro Sandri, Marco D’Arienzo, Angela Coniglio – Radioprotezione di base – CISU – 2014

Raffaele Laitano – Fondamenti di dosimetria delle radiazioni ionizzanti – ENEA 2015 (liberamente scaricabile online, qui il link).

Fondamenti di dosimetria delle radiazioni ionizzanti

Altri link utili:

Dispense del prof. Pietro Corvisiero dell’INFN di Genova disponibili online (qui il link) sul sito dell’INFN di Genova

National Institute of Standards and Technology – X-Ray Mass Attenuation Coefficients – 2004

Un manuale per insegnanti e studenti pubblicato a cura della IAEA e disponibile online (qui il link): “Diagnostic Radiology Physics a Handbook for Teachers and Students”

Diagnostic Radiology Physics

Dott.Saverio Cazzoli
esperto di radioprotezione di III grado e insegnante
email: info@saveriocazzoli.it